di


Baselworld Gioielli più centrali: Melikoff presenta le novità

Secondo il managing director le prenotazioni sono nuovamente in crescita: “Stiamo lavorando a tariffe ribassate, sfilate dal vivo e più aree a tema”

Baselworld 2019_ingresso-min

Baselworld si rinnova: la storica mostra elvetica è al lavoro per arginare le difficoltà registrate negli ultimi due anni, in cui molti big brand hanno annunciato l’addio alla fiera (ultimo in ordine di tempo, lo Swatch Group) e il numero di espositori si è sensibilmente ridotto dai tradizionali 1500 a circa 650, con una durata di due giorni in meno già lanciata all’ultima edizione di aprile. Si rinnova e lo fa puntando su aree tematiche, eventi dal vivo e tariffe al ribasso. Ad annunciarlo è la fiera attraverso il suo nuovo managing director Michel Loris-Melikoff, nominato a fine maggio dopo l’addio della storica guida dell’evento, Sylvie Ritter.

Michel Loris-Melikoff
Michel Loris-Melikoff

L’idea, secondo Loris-Melikoff, è quella di “ringiovanire” il concept espositivo, e secondo il managing director il confronto con gli espositori ha già portato a un aumento delle prenotazioni degli spazi. Incremento dovuto, probabilmente, anche alle nuove tariffe. “Le spese avevano raggiunto soglie elevate – ha detto -, ecco perché intendiamo sederci a un tavolo con tutti i partecipanti e trovare una soluzione soddisfacente. Per quanto riguarda gli affitti degli stand, negli anni scorsi abbiamo già modificato le tariffe e continueremo a modificarle in modo selettivo nel 2019 per ridurre le spese degli espositori. Analogamente ripenseremo ai prezzi di ammissione e li adegueremo al ribasso, se possibile”.

Tra le novità annunciate da Michel Loris-Melikoff, una presenza più forte e centrale per i gioielli, che saranno posizionati nella Hall 1.2, che ospiterà anche una Show Plaza con una passerella a 240° che potrà essere utilizzata anche per eventi serali. Secondo gli organizzatori, ci saranno tre spettacoli dal vivo al giorno. “The Loop” offrirà diverse nuove opzioni di ristorazione direttamente nel padiglione 1.1.

Baselworld 2019_gioielli-min

Anche gli orologiai indipendenti di “Les Ateliers” avranno un nuovo spazio, nella Hall 1.0 South. “Stiamo anche sviluppando eventi per i rivenditori – precisa il managing director -. E Baselworld aprirà alla stampa un giorno prima dell’apertura ufficiale, per rafforzare l’evento, il carattere comunicativo e il marketing. Baselworld deve essere un’esperienza unica, che è ogni anno sorprendente e diversa. Abbiamo ancora un po ‘di tempo davanti a noi prima dell’edizione 2019, quindi verranno aggiunti anche altri concept aggiuntivi, che annunceremo nelle prossime settimane”.

Il cambiamento si muove secondo un fitto calendario di incontri con gli espositori. “Non sono insolite tre o quattro visite con i clienti ogni giorno – spiega Loris-Melikoff -. Voglio che la gente mi conosca e voglio conoscerla personalmente. Inoltre, ci sono commissioni ed eventi dedicati agli espositori in Germania, Francia e Italia, dove presentiamo e discutiamo apertamente i nostri concept. Ascoltiamo con molta attenzione per sapere esattamente cosa desiderano gli espositori e i rivenditori, cosa manca e, naturalmente, abbiamo anche le nostre idee”.

Baselworld 2019_orologi-min

Sempre più spazio sarà garantito anche al digitale. “Il mercato di oggi ha bisogno di una Baselworld completamente diversa da quella di cui aveva bisogno dieci anni fa – dice ancora -. Alcune aziende oggi “spuntano” quasi esclusivamente in digitale. Il tema è di conseguenza in cima alla lista. Tra le altre cose, stiamo anche sviluppando una nuova strategia di comunicazione con formati innovativi come i chatbot digitali per fornire ai marchi un’attività che prosegua tutto l’anno. Ma la digitalizzazione avverrà e dovrà realizzarsi e mostrarsi anche in molte altre aree”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA