di


Bangkok Gems & Jewelry Fair ai nastri di partenza

Porta d'ingresso privilegiata per il sud-est asiatico, la 57esima edizione della fiera si svolge dal 24 al 28 febbraio: molti espositori stranieri possono vendere in regime di duty free

 

 Bangkok Gems & Jewelry Fair 2016

(La presentazione della 57esima edizione della Bangkok Gems & Jewelry Fair 2016)

Sono a buon punto i preparativi per la 57esima edizione della Bangkok Gems & Jewelry Fair, l’evento che riconosce alla Thailandia il ruolo di  hub d’ingresso per i mercati del Sud-est asiatico. Il secondo più grande evento dedicato al commercio di gemme e gioielli dell’Asia – e il quinto a livello mondiale – si terrà al centro espositivo IMPACT di Bangkok dal 24  al 28 febbraio.

La fiera nelle sue edizioni annue attira decine di migliaia di acquirenti provenienti da tutto il mondo, compresi Stati Uniti, Unione europea, Russia,  Cina, Sud America, Nazioni del Sud-est asiatico e Medio Oriente, contando su oltre 30mila visitatori. Gli organizzatori prevedono ricavi lordi dalle esportazioni verso i 13 miliardi di dollari. Oltre 3mila gli stand riempiti lo scorso anno, e per quest’anno la fiera ha garantito ulteriori 3.500 moduli che sono quasi terminati: perciò gli espositori interessati sono invitati a iscriversi al più presto.

“L’obiettivo della fiera per gli acquirenti stranieri è venire a fare ordini – ha dichiarato Somchai Phornchindarak, presidente della Gems, Jewelry and Precious Metal Confederation of Thailand che è il motivo per cui la fiera si tiene due volte l’anno”“Incoraggiamo l’innovazione da parte degli espositori – gli fa eco Suttipong Damrongsakul, presidente della Thai Gem and Jewelry Traders Association – perché vogliamo presentare ai buyer stranieri le potenzialità delle gemme e dei gioielli tailandesi”.

Vede un futuro roseo per il settore anche Chantira Jimreivat Vivatrat,  vice direttore generale del Department of Trade and Promotion“Il governo è fiducioso del potenziale delle imprese thailandesi nel settore delle gemme e dei gioielli – precisa -. Sono state introdotte diverse misure e incentivi per facilitare il commercio”. Una di queste è la revoca delle imposte del 20%  sulle gemme importate e dei gioielli venduti durante la prossima fiera. Gli espositori stranieri possono importare e vendere gemme e gioielli provenienti da altri paesi in regime duty-free, mentre gli espositori locali possono ridurre i loro prezzi attraverso la riduzione dei costi di importazione.

L’incentivo duty-free è valido solo per gli espositori approvati dalla Thai Gem and Jewelry Traders Association: i venditori non approvati dovranno ancora pagare la tassa standard del 20% sulle importazioni. Inoltre,  si applica ancora a tutti gli espositori, locali e stranieri, l’Iva al 7 %, dalla quale sono esentati – su concessione governativa – gli acquirenti di gemme grezze e materie prime.

I migliori gioielli provenienti da tutto il mondo saranno esposti tra il padiglione dedicato al Design e in quello organizzato da Gemsfield UK: la  Bangkok Gems & Jewelry Fair includerà anche le attività di promozione commerciale, quali seminari, concorsi, aggiornamenti sulle tendenze e offerte speciali. Rigide misure di sicurezza sono state messe in atto per garantire la sicurezza degli espositori, con oltre 500 addetti alla sicurezza e oltre 560 telecamere a circuito chiuso in fiera. Il tenente colonnello Sataporn Sanguansuk della Polizia Turistica assicura che le misure adottate non avranno “effetti sull’atmosfera di scambio e non faranno sentire espositori e compratori a disagio”.

L’edizione di quest’anno mette a disposizione anche una App per smartphone, che permetterà ai compratori di collegarsi con i venditori, oltre a fornire una planimetria di tutta la mostra. Un servizio navetta sarà a disposizione da e per gli hotel a cinque stelle di Bangkok per garantire ulteriore comodità ad acquirenti e venditori.

www.bangkokgemsfair.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Lebole secondo banner orizzontale