di


Azerbaijian: La Terra di Fuochi sulla Via della Seta

Bashlig (copricapo). Garabagh, Azerbaijan 19° secolo

Nell’ambito delle “Vie della seta” con un programma di 11 mostre (che spaziano dall’archeologia all’arte contemporanea) promosse dalla Città di Roma, per un dialogo tra le civiltà e le religioni (del Medio ed Estremo oriente) in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Roma Capitale, si concluderà il 4 marzo l’esposizione dedicata all’Azerbaijgian – La Terra di Fuochi sulla Via della Seta (al Museo della Civiltà Romana). Una mostra che ha visto raccolte per la prima volta importanti testimonianze di quel territorio, che fu crocevia per le culture ed i popoli migratori. Tra gli oltre sessanta oggetti esposti, di primo piano sono i gioielli unici che rappresentano il livello di maestria raggiunto da quella cultura che aveva propensione per la lavorazione dei metalli e l’arte dell’oreficeria.

www.viedellaseta.roma.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *