di


Audemars Piguet, il cronografo è un tributo a Milano

Grande party nella città dell’Expo per lanciare il Royal Oak Limited Edition: tricolore nel quadrante e tante novità per celebrare l’Italia

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

Ha inaugurato pochi giorni fa l’Expo, l’evento dell’anno che rende protagonista Milano e l’Italia, e Audemars Piguet l’ha celebrato con una grande festa in occasione del lancio del nuovo Royal Oak Cronografo Limited Edition, modello nato per celebrare l’Italia ed in particolare il capoluogo lombardo, sede dell’Esposizione Universale e vetrina mondiale delle bellezze del Belpaese.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

Alla vigilia del taglio del nastro dell’evento, il Cinema Manzoni, nel cuore di Milano, completamente ripensato per l’occasione, ha accolto 700 invitati, affascinati da straordinarie performance live e trascinati fino a tarda notte dalla musica del noto DJ Dimitri From Paris.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

(Da sinistra: Olivier Audemars,  vicepresidente di Audemars Piguet; il Dj Dimitri From Paris; l’Ad di Audemars Piguet Italia Franco Ziviani)

A mezzanotte, l’orologio è stato svelato da Olivier Audemars, Vice-Presidente del Consiglio di Amministrazione Audemars Piguet. “Sono orgoglioso di essere qui con voi questa sera, un momento così importante per l’Italia con l’apertura dell’Expo, uno degli eventi culturali più importanti a livello internazionale – ha detto -. Sono anche molto orgoglioso di presentare il nuovo Royal Oak Cronografo Limited Edition, quale tributo a Milano e all’Italia. Un tributo in effetti ben meritato, dal momento che l’Italia ha da sempre giocato un ruolo importante per Audemars Piguet. Basti pensare al contributo che ha dato per la creazione e il lancio del Royal Oak nel 1972, un prodotto all’epoca rivoluzionario – era infatti il primo orologio in acciaio di lusso, anche più costoso di orologi in oro – divenuto ora il prodotto icona del nostro brand”.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

Molti gli ospiti intervenuti alla serata; tra gli altri, Franco Ziviani, amministratore delegato Audemars Piguet Italia, Massimo Baggi, Console generale della Svizzera, Joe Bastianich, Christian Vieri e Valeria Marini. Un debutto in grande stile per il nuovo cronografo del marchio ma anche una anticipazione di un 2015 ricco di novità per Audemars Piguet.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

(Joe Bastianich)

L’italianità del modello è nel dettaglio: gli indici del contatore 30 minuti riprendono i colori del tricolore italiano, verde, bianco e rosso. E non mancano altre peculiarità come l’incisione sul fondello “Swiss Made Limited Edition”, e anche il materiale del cinturino, il caucciù, è una vera singolarità. Nel passato, infatti, solo un cronografo Royal Oak è stato realizzato con questo materiale. Si tratta del City of Sails, creato nel 2002.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

(Franco Ziviani e Valeria Marini)

Il modello è legato alla storia dell’orologio sportivo e occupa un posto privilegiato nell’ambito della collezione Royal Oak. La cassa 41mm in acciaio, dalle dimensioni decisamente contemporanee, conserva tutte le caratteristiche che hanno reso il Royal Oak un orologio leggendario. Come la versione del 1972, questa edizione limitata rivela il gioco sottile e l’alternanza delle superfici lucide e satinate, e le otto viti esagonali della lunetta ottagonale in oro bianco. Impermeabile fino a 50 metri e dotata di corona a vite, la cassa ha un vetro zaffiro antiriflesso.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

(Alessandra Grillo e Christian Vieri)

Il quadrante è decorato con il motivo “Grande Tapisserie”, tipico della collezione Royal Oak. Audemars Piguet realizza questa decorazione su macchine antiche secondo la tecnica della rabescatura: questo raro processo di lavorazione consente di realizzare simultaneamente il taglio dei quadrati e la struttura a rete dei solchi sottili che vi si inseriscono. La sovrapposizione delle due decorazioni, caratteristica dei Royal Oak, conferisce ai quadranti una brillantezza unica.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

L’orologio, disponibile in un’edizione limitata a 500 pezzi, avrà all’interno della confezione anche un cinturino cucito a mano in alligatore blu “a grandi scaglie”. La confezione, appositamente realizzata, riporta una targa metallica che riproduce il fondello dell’orologio con i colori della bandiera italiana.

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

The Audemars Piguet Classic Revolution Party

The Audemars Piguet Classic Revolution Party


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *