di


Giorgio Armani abolisce totalmente l’uso delle pellicce dalle sue collezioni

le collezioni di giorgio armani saranno animal free

Ogni anno circa 100 milioni di animali da pelliccia vengono uccisi in maniera cruenta per realizzare capi di abbigliamento. Una cifra agghiacciante, certo, ma anche un solo animale ucciso in nome della moda non giustificherebbe il gesto.

“L’eleganza non è farsi notare ma farsi ricordare.” Questa frase ha fatto il giro del mondo ma oggi suona più vera che mai. Le collezioni di Re Giorgio saranno animal free dall’A/I 2016/17, meglio tardi che mai verrebbe da dire, ma l’augurio più grande è che l’elenco dei nomi di stilisti etici si allunghi sempre di più facendo propri questi valori che sono un monito per la salvaguardia e la tutela degli animali…e dell’eleganza che non è ostentazione ma semplicità, non è serialità ma artigianalità, non è crudeltà ma rispetto.

Gruppo Armani totale abolizione dell’uso di pellicce animali nelle proprie collezioni

“Sono lieto di annunciare il concreto impegno del Gruppo Armani alla totale abolizione dell’uso di pellicce animali nelle proprie collezioni. Il progresso tecnologico raggiunto in questi anni ci permette di avere a disposizione valide alternative che rendono inutile il ricorso a pratiche crudeli nei confronti degli animali. Proseguendo il processo virtuoso intrapreso da tempo, la mia azienda compie quindi oggi un passo importante a testimonianza della particolare attenzione verso le delicate problematiche relative alla salvaguardia e al rispetto dell’ambiente e del mondo animale”.

Sono le parole di Giorgio Armani che con questa dichiarazione apre un nuovo capitolo nel mondo della moda, in accordo con ‘The Fur Free Alliance‘, la coalizione internazionale di oltre 40 organizzazioni animaliste, in Italia rappresentata dalla LAV, impegnate in 28 Paesi per porre fine al commercio di pellicce, il cui presidente, Joh Vinding, ha commentato “L’annuncio di Giorgio Armani dimostra chiaramente che gli stilisti e i consumatori possono avere rispettivamente libertà creativa e prodotti di lusso senza per questo ricorrere alla crudeltà nei confronti degli animali. Per decenni Giorgio Armani è stato un trendsetter nel mondo della moda e la sua ultima comunicazione è la prova che la sensibilità e l’innovazione rappresentano il futuro di questo settore.”

www.armani.com

www.furfreealliance.com

www.lav.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *