di


Apre il sipario VicenzaOro January 2020 nel segno della “sostenibilità circolare”

Molti gli appuntamenti in calendario ed un “fuorisalone” in città per le tante presenze previste. Domani Vision.Next, l’opening realizzato in collaborazione con il Club degli Orafi.

Passato, presente e futuro a VicenzaOro January. L’evento organizzato da Italian exhibition group, il primo dell’anno del settore gioielleria, da venerdì a mercoledì porterà a Vicenza 1.500 brand e centinaia di operatori da 130 paesi, in rappresentanza – tra gli altri – di mall, boutique di lusso, dettaglianti, grossisti.

Vicenzaoro_talks_Vo Square-min

Numerosi gli appuntamenti in programma, a partire da quelli in collaborazione con le associazioni di categoria italiane e internazionali. Primo evento della cinque giorni fieristica sarà infatti venerdì alle 11 il convegno organizzato con Cibjo, la confederazione mondiale del gioiello, focalizzato sulle Pmi. Alle 17 inaugurazione con il dibattito Visio.Next, promosso col Club degli Orafi, che si interrogherà sul futuro del gioiello, con Stephen Lussier, executive vice-president consumer and brands di De Beers Group; Eleonora Rizzuto, direttore sviluppo sostenibile di Bulgari & Lvmh Italia; Isabella Traglio, deputy director general di Vhernier e Claudio Marenzi, ceo di Herno and chairman di Confindustria Moda, introdotti da Corrado Peraboni, amministratore delegato di Ieg e Gabriele Aprea, presidente del Club.

Lorenzo Cagnoni

Seguirà il taglio del nastro con Lorenzo Cagnoni, presidente di Italian Exhibition Group; Francesco Rucco, sindaco di Vicenza; Cristina Franco, vicepresidente della Provincia; Elena Donazzan, assessore regionale all’Istruzione, formazione, lavoro e pari opportunità; Ivana Ciabatti, presidente di Federorafi; Carlo Maria Ferro, presidente Agenzia Ice e Achille Variati, sottosegretario al ministero dell’Interno.

Ma si parlerà anche di corallo, nell’incontro in collaborazione con Assocoral, e del futuro del diamante, nell’ambito del talk promosso da Trendvisiom Jewellery + Forecasting.

Vicenzaoro_Digital Talks-min

Spazio anche ai Digital Talk promossi da Federpreziosi Confcommercio, ai Gem Talk organizzati da Igi, Istituto Gemmologico Italiano e ai tanti incontri tecnici che rientrano nel programma di T.Gold, il salone mondiale dei macchinari in collaborazione con Afemo.

Tante le novità di questa edizione, a partire dall’area dedicata, appunto, al “passato”, VicenzaOro Vintage, che dal 18 al 20 gennaio porterà nel foyer del padiglione 7.1 i maggiori collezionisti di orologi d’epoca, importanti esperti del settore.

Sarà invece dedicato alle nuove aziende innovative Startup & Carats, il progetto portato avanti in collaborazione con Ice e alle startup sarà dedicato anche un convegno che si terrà domenica. In collaborazione con l’Università di Padova, martedì si svolgerà invece un Hackathon, nel quale sei gruppi selezionati da una giuria lavoreranno sui progetti proposti da tre aziende vicentine – Legor, Sisma e Better Silver – su “Nuovi modi di indossare un gioiello” e “Nuovi modi per realizzare packaging innovativi”.

Vicenzaoro january_CLF_9613-min

Infine, il weekend sarà animato dalla quarta edizione di ViOff, il fuorifiera di VicenzaOro, che coinvolgerà tutto il centro storico.

Più che soddisfatto delle premesse il direttore della divisione Jewellery and Fashion di Ieg, Marco Carniello.

IEG_Marco carniello-min
Marco Carniello

«Abbiamo tutti gli spazi esauriti – spiega – e siamo riusciti a introdurre il nuovo progetto VO Vintage nel foyer del padiglione 7.1, che non era mai stato utilizzato. Nella piramide sta crescendo il progetto dedicato al packaging, che conta 35 aziende di altissimo livello e anche il 3.1 non ha mai raggiunto questo livello di occupazione, con Essence elements, che guarda alla componentistica semipreziosa e pietre a basso prezzo. Crescono poi anche le tre comunità dedicate a Hong Kong e Cina, India e Thailandia».

Tra le novità, fiore all’occhiello è senz’altro VO Vintage, alla quale Carniello tiene molto. «Nasce dalla consapevolezza che questo segmento di mercato sta crescendo, fatto di tantissimi appassionati e che ha una centralità in Italia, che ha sempre espresso importanti player del collezionismo e della vendita di orologi d’epoca di alta gamma. Uno dei più grandi collezionisti al mondo di Patek Philippe è Sandro Fratini, che verrà lunedì. Non c’era nessuna manifestazione simile in Europa, quindi abbiamo riempito un gap e l’abbiamo differenziata da quelle negli altri continenti, con un palinsesto di incontri per gli appassionati. L’ambizione è che questo diventi un evento che stia in piedi da solo».

Dedicato ai giovani, invece, l’Hackathon. «Tre aziende hanno sottoposto dei “business problem” a 60mila studenti e ricercatori e sei gruppi parteciperanno alla maratona di chiusura, con lavori che saranno poi giudicati da una giuria. Puntiamo molto sui giovani, perché le aziende hanno bisogno di ragazzi e faticano a trovarli».

Infine, l’altra novità è l’area dedicata alle Start up. «Con Ice – conclude Carniello – abbiamo creato un’area con otto aziende innovative, per dare visibilità a un tema su cui spingeremo maggiormente nelle prossime edizioni».

www.vicenzaoro.com

 

 


1 commento

  1. Lorella Privitera Perego says:

    Informazioni molto precise esauriente.grazie .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *