di


Andrea Boldi eletto presidente degli orafi di Confartigianato

L’Assemblea di ieri ha scelto il vertice degli orafi toscani: nel programma, spinta all’internazionalizzazione, il contratto di lavoro e la disciplina marchi e titoli

andrea-boldi_confartigianato_900
Andrea Boldi, eletto ieri alla guida nazionale degli orafi di Confartigianato

Torna un aretino alla guida degli Orafi di Confartigianato: ieri l’assemblea ha eletto Andrea Boldi alla presidenza dell’Associazione per i prossimi 4 anni. Nato nel 1967 ad Arezzo, Boldi è già presidente del Gruppo Toscana di Confartigianato Orafi. Con lui, nel Consiglio, sono stati eletti: Giuseppe Verdenelli, (Marche) con delega alle politiche delle Piccole/Micro imprese; Andreina Facchinetti (Lombardia) con delega al settore Orologeria; Piero De Stefano (Lazio) con delega alla Formazione; Mauro Belia (Umbria).

La storia professionale di Andrea Boldi lo vede fondare nel 1994 l’azienda “Nemesi”, che realizza gioielli e oggetti in oro utilizzando le tecniche tradizionali artigiane insieme con l’innovazione digitale delle stampanti 3D. Inoltre, tra gli incarichi istituzionali di Boldi figura anche la presidenza di Arezzo Fiere e Congressi, organizzatrice di OroArezzo e Gold Italy.

“Saremo impegnati su molti progetti che abbiamo già avviato su tavoli istituzionali e che vogliamo portare a conclusione. Progetti – ha sottolineato Boldi subito dopo l’elezione di ieri – che riguardano in particolare l’internazionalizzazione, ma anche altri versanti sui quali vi sono cose da ridefinire che da troppo tempo ormai attendono. Fra queste c’è anche il contratto di lavoro al quale partecipiamo in ambito metalmeccanico, c’è la disciplina dei marchi e dei titoli, ci sono strumenti volti a ravvivare il mercato interno ed internazionale”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Orizzontale AMERICA