di


Anche per quest’edizione White Milano si è confermato uno degli eventi più innovativi


150 espositori della moda contemporary hanno preso parte all’edizione 2014 di White Milano. Un’ambita tre giorni che si è conclusa con successo in Via Tortona dove la ricerca, l’innovazione e l’accurata selezione dei brand hanno fatto segnare un rialzo di qualità, un nuovo record di presenze di pubblico, di opinion leader di tutto il mondo e di buyer (il 22% in più rispetto a giugno e il 16% rispetto a gennaio).

Ben quaranta i brand giapponesi nell’inedita area di Jp Home dove nel giorno di apertura hanno fatto visita il vice-ministro dell’economia nipponica Midori Matsushima e l’assessore alla moda di Milano Cristina Tajani.

Un evento tutto in salita, dunque, dove la moda internazionale ha mostrato il suo lato più fashion come il marchio K.T.Z. Kokon To Zai, uno dei più seguiti sul web per la grande modernità di linguaggio che coniuga moda e musica.

Tra le aree speciali la WOK ROOM, legata al concept store milanese Wok Store  con i suoi quindici marchi innovativi e ricercati nel panorama fashion internazionale, mentre nell’area A.I. Showroom si sono visti i brand Jeni’, Miss Gummo Hats & Bonnets, Silvia Massacesi, Fumne, Bra.Boutique. Debutto invece per DaTE, la rassegna delle collezioni di ottica internazionale promossa da WHITE. E ancora: profumeria di ricerca, calzature made in Italy di Sentier; i cappelli hand-made in Germany by Scha; gli occhiali dall’anima vintage di Bob Sdrunk; gli accessori di Massimo Paloma.

L’area creativa WOW White On Web è stata curata dal team del salone White e da esperti del settore.

“Ancora una volta White, per contenuti e proposte, si conferma uno degli eventi più innovativi della settimana della Moda – ha commentato l’assessore alla Moda e Design Cristina Tajani. – Un appuntamento imperdibile per chiunque voglia confrontarsi con le tendenze dello streetwear provenienti da tutto il mondo. Lo spazio dedicato alla tendenze provenienti dal Giappone – cha concluso Tajani –  ha un profondo significato strategico volto a implementare un dialogo costruttivo tra due importanti realtà del mondo del design e della creatività Milano e Tokyo. Realtà che trovano una commistione nel segno dell’innovazione e della ricerca di stili, forme e linguaggi espressivi”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *