di


Altri forti segnali di collaborazione

Avevo appena affidato alla rete il precedente crogiolo (intitolato “Tutti insieme appassionatamente” e dedicato alle incoraggianti “voglie di unità” rilevate nel mondo orafo) che di buoni segnali ne sono arrivati altri e perfino più importanti.
Anche in questo caso, come pochi giorni fa, limitiamoci a qualche esempio, cominciando dal Forum organizzato dal Cisgem in quel di Milano e animato da tanti (troppi?) esperti del settore. Non occorre indagare, in questo frangente, sulla reale finalità dell’incontro; e si può anche sorvolare, per il momento, sull’insistita e gratuita pubblicità gentilmente offerta a oggetti “di design”, che poco o nulla hanno in comune con i gioielli in quanto tali. Ma non si può trascurare il reiterato auspicio di un “coordinamento di sistema”, per il quale tuttavia – anche questo va detto – non sembrerebbe indispensabile la costituzione di un nuovo organismo rappresentativo. Manchiamo di tante cose ma non di associazioni, federazioni, gruppi e affini: il problema sta nel convincerli a lavorare insieme.
Altro evento rivelatore di una forte tendenza alla collaborazione è stato sicuramente il fatto di presentarsi con una posizione unitaria, espressa in un solo documento, all’audizione presso la Camera dei Deputati sulla regolamentazione del mercato dei materiali gemmologici: la mitica Legge Mazzocchi, ferma in un cassetto di Montecitorio da più di sei anni e regolarmente stoppata a ogni tentativo di farle vedere la luce. Ma ora, se il settore è concorde, forse è la volta buona. Volendo, si può giocare anche la carta Manuela Dal Lago, presidente della Commissione di riferimento, già presidente della Fiera di Vicenza, nessun bisogno di farsi spiegare i segreti del comparto. Collaborare, prego.


2 commenti

  1. marco picciali says:

    sul fatto che al forum di milano c’erano tanti (troppi?) esperti e su cosa di concreto sia stia facendo posso sorvolare, ma quel che non capisco è : “si può anche sorvolare, per il momento, sull’insistita e gratuita pubblicità gentilmente offerta a oggetti “di design”, che poco o nulla hanno in comune con i gioielli in quanto tali” , tale supposta pubblicità (che personalmente non ricordo) di cosa sarebbe? parliamoci chiaro . come è stato detto al forum diciamoci la verità, anche se scomoda, solo così si può pensare di collaborare, altrimenti è solo un cercare di fregare l’altro senza esporsi troppo, ora è il momento di esporsi. leggo che ha una lungo e varia carriera alle spalle, perciò le chiedo lumi, sono un ingenuo io che questa pubblicità insistita non l’ho vista?
    non lo prenda come un attacco personale, non è questo il mio scopo, anzi
    buona giornata


  2. Gianni Roggini says:

    Gentile signor Picciali, la ringrazio dell’attenzione e sono lieto di conoscerla, sia pure in “formato elettronico”. Chissà quante occasioni d’incontro abbiamo avuto e non colto nel corso degli anni. Beh, come dicono gli originali, meglio tardi che mai. Grazie anche dell’avviso ai naviganti, ma, mi creda, non avrei mai preso il suo commento come un attacco personale. E perché mai dovrebbe attaccarmi? Ci siamo appena trovati e sappiamo quasi niente l’uno dell’altro: un fondo di fiducia reciproca è la dote minima che siamo tenuti ad assegnarci. Così, io credo a lei quando afferma di non aver rilevato alcun intento promozionale (meno crudo di “pubblicitario”, lo riconosco, ma è pura questione di forma) e lei sicuramente crede a me quando ribadisco che più… esperti, più volte, si sono spesi contro il gioiello tradizionale e a favore di un ornamento “di design” definito possibile solo a condizione di rinunciare alle convenzioni imposte dalle pietre e dai metalli preziosi. Una dichiarata provocazione che si è ripetuta – in forme molto più ampie e dal mio punto di vista più insidiose – alla fiera primaverile di Vicenza, con particolare riferimento alla giornata inaugurale e a una (bella) mostra in centro città. Quanto a me, non ho approfondito il tema per la semplicissima ragione che ho in programma di farlo nelle prossime settimane. Ma neanche in quel caso penserò di avere quel potere d’illuminazione che scherzosamente mi attribuisce. Buona giornata a lei.
    Gianni Roggini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *