di


Al via oggi Tarì Mondo Prezioso

Apre i battenti la rassegna del centro orafo di Marcianise: fino a lunedì in visita una delegazione di 83 buyer da 23 paesi

Tarì conferenza stampa

Al via oggi, per gli operatori, e domani con l’inaugurazione ufficiale, Tarì Mondo Prezioso, l’evento del centro orafo di Marcianise dedicato al gioiello prezioso. Alle 400 aziende stabilmente insediate, si aggiungono fino a lunedì altre 100 imprese del settore orafo provenienti da tutti i distretti italiani. La nuova edizione dell’evento è stata presentata ieri a Napoli nella sede dell’Unione Industriali. “L’organizzazione del centro orafo – ha spiegato Maurizio Scoppa, amministratore delegato del Tarì (nell’immagine di apertura, a sinistra) – sta facendo un ulteriore passo avanti per aiutare le aziende del settore a crescere”.

Grazie a una collaborazione con il ministero dello Sviluppo economico e con l’Ice, infatti, nell’ambito del piano promozionale Export Sud, sono in arrivo a Marcianise – e ci resteranno per l’intera durata della rassegna – 83 buyer da 23 paesi, dall’Australia al Canada, dal Cile agli Emirati Arabi, dal Marocco al Messico. Domattina alle 10.30 un convegno sulle barriere transatlantiche: presenti il sottosegretario per le politiche commerciali Usa William E. Craft jr, il sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano e il presidente dell’Ice Riccardo Monti.

Arte sacra e contemporaneità troveranno spazio nella Galleria del Design con il Tarì Design Lab: sarà lanciato il concorso “Un gioiello per il Giubileo” indetto per il prossimo anno da Papa Francesco. Per aderire la prima scadenza è il 19 giugno e entro settembre dovranno essere presentati i progetti: quelli vincitori saranno esposti durante l’edizione di ottobre. Tanti gli spunti per i creativi che vorranno partecipare al concorso, in un ambiente dove saranno esposte le riproduzioni di gioielli del Tesoro di San Gennaro, provenienti da collezioni private e dal Pio Monte della Misericordia di Napoli. Altra mostra, quella sui Gioielli al tempo dei Borbone: monili appartenenti a collezioni private, aziende del Tarì e l’associazione nazionale produttori di coralli e cammei Assocoral, ripercorrono l’età borbonica dal 1734 al 1860.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *