di


Al via domani Valenza Gioielli 2010

Si inaugura domani, nel nuovo centro espositivo Expo Piemonte, Valenza Gioielli 2010, la rassegna orafa piemontese che quest’anno ha una madrina d’eccezione: la top model Eva Riccobono. «Il binomio gioiello-moda trova la sua complicità anche nella bellezza, nella qualità e nell’esclusività del prodotto, tutte caratteristiche che Eva Riccobono ha nel proprio Dna – ha comentato il presidente di Valenza Expo Events Francesco Barberis –. La bellezza italiana come veicolo d’immagine del gioiello valenzano nel mondo. Il gioiello di Valenza come esclusivo accessorio di bellezza per le più belle donne del mondo».

Tra le partecipazioni importanti, quella dell’Ador. L’Associazione designer orafi, che dal 1984 si identifica come organismo di rappresentanza della categoria sia a livello nazionale che internazionale.
Quest’anno Valenza Gioielli ospiterà anche alcuni “gioielli” provenienti dal museo “Galleria Ferrari” di Maranello. La Galleria Ferrari sarà infatti presente alla manifestazione internazionale con due vetture, una monoposto da Formula 1 e una Gran Turismo d’epoca, e con la mostra celebrativa “1950-2010, I piloti della Scuderia Ferrari nelle cartoline ufficiali”.

Valenza Gioielli, inoltre, può contare per questa edizione sul ritorno di un espositore storico, Damiani Group, dopo un lungo periodo di assenza. Grande attenzione alla qualità e al rapporto con i buyer è testimoniata anche dall’accordo di collaborazione con la Federazione Nazionale dettaglianti Orafi Confcommercio, per favorire le visite della clientela retail nazionale, e dall’importante attività svolta con il supporto di Regione Piemonte e Ice, che condurrà a Valenza buyer selezionati provenienti da oltre 40 paesi esteri.

Ma gli eventi a Valenza non si limiteranno alla fiera, che chiuderà i battenti il 5 ottobre. Presso Villa Scalcabarozzi, futura sede del Museo del Gioiello, si terrà infatti la mostra “Tesori e gioielli del Petit Palais di Parigi”, che sarà visitabile durante il periodo della rassegna e anche oltre, fino al 28 novembre.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *