di


Ad Arezzo brilla il “Gioiello in vetrina”

Si è appena conclusa l’ultima edizione della Fiera Antiquaria che ospita l’evento organizzato dalla Confcommercio aretina e Federpreziosi. Prossimo appuntamento a settembre

Gioielli in vetrina Arezzo_giugno_01-min

Brillano ancora le vetrine ad Arezzo: si è conclusa ieri la nuova edizione di “Gioiello in vetrina“, l’iniziativa organizzata dalla Confcommercio aretina e dalla Federpreziosi provinciale (con il patrocinio del Comune di Arezzo e il contributo di GP Motors ed Evoluzione Tende) nell’ambito della Fiera Antiquaria: sabato e domenica, due giorni all’insegna del gioiello nel chiostro della Biblioteca, in via dei Pileati, all’ombra del loggiato che fiancheggia l’antico Palazzo Pretorio. Da segnare in agenda i prossimi appuntamenti: settembre e dicembre, sempre in occasione della Fiera Antiquaria di Arezzo.

Gioielli in vetrina Arezzo_giugno-min

I dettaglianti orafi aretini – sei gli espositori presenti in questa edizione: Big Watch, Duranti Gioielli, Galgani Gioielli, Governini Gioielleria, Prosperi 1887 e Vanto Gioielli -si sono dati ancora una volta appuntamento con preziosi creati artigianalmente come pezzi unici o in tiratura limitata, orologi da collezione, bracciali e collane in oro, argento e bronzo, orecchini e anelli dal design più classico oppure fresco ed originale, ma anche monili di alta bigiotteria dai costi più contenuti. Una selezione attenta creata per stupire gli intenditori e insieme per avvicinare al mondo dei preziosi il grande pubblico, anche quello più giovane.

Roberto-Duranti-federpreziosi arezzo
Roberto Duranti

“Un gioiello è stile, cultura, emozioni – sottolinea il presidente provinciale di Federpreziosi Confcommercio Roberto Duranti – dà un tocco di ricercatezza e personalità anche al look più normale, ma soprattutto è frutto di un’arte antica che ancora oggi continua ad esprimere molti messaggi. Il nostro obiettivo è proprio valorizzarla agli occhi di tutti”Tanti gli eventi collaterali: tra questi, l’iniziativa a cura dell’Associazione La Staffetta dedicata al connubio tra gioielli ed arte con la realizzazione in diretta di affreschi ispirati alle opere di Piero della Francesca nelle quali sono rappresentati dei monili, ad opera della restauratrice Laura Ghezzi. Degustazioni di vino biologico dell’azienda agricola aretina Podere Pomaio Green Winery.

Quanto ai gioielli in vetrina, cuore della manifestazione, la gioielleria Big Watch Borgogni ha esposto nel proprio spazio “la rosa”, omaggio al più profumato ed elegante tra i fiori, l’anello in oro giallo sabbiato e inciso a mano. Governini Gioielleria ha portato invece con sé i gioielli in argento rosato, madreperla e pietre colorate della linea Campofiorito, creati per indossare la primavera. Ancora madreperla nel pezzo forte proposto da Prosperi 1887: una collana che unisce l’algida bellezza dell’argento al biancore iridescente dei castoni ottenuti lavorando l’interno delle conchiglie.

Vanto Gioielli si è concentrato invece su anelli in oro e pietre preziose, che catturano la luce estiva per illuminare la mano con i riflessi colorati di rubini, smeraldi, topazi o con lo splendore etereo dei diamanti. La bella stagione con i suoi colori è stata protagonista anche della collezione portata nel Chiostro della Biblioteca dalla Gioielleria Galgani: l’argento unito a corno e pietre dure in una lavorazione rigorosamente artigianale. Nelle vetrine di Duranti Gioielli, infine, orecchini, bracciali e collane che hanno messo insieme vivacità e freschezza con uno stile molto personale e personalizzato.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *