di


A Riccione Marlù Gioielli apre il suo primo store

Inaugurato sabato scorso è caratterizzato da arredi giovani e di tendenza, come gli accessori moda che l’azienda produce dal 2001. Prossimo passo, un corner all’Aquafan

A sinistra, il sindaco di Riccione Massimo Pironi con le tre sorelle Fabbri durante l'inaugurazione

Ha inaugurato sabato Marlù Store Riccione, il primo punto vendita gestito direttamente da Marlù Gioielli, l’azienda di accessori moda bijoux nata nel 2001 da tre sorelle sammarinesi, Morena, Monica e Marta Fabbri. Si realizza così il  sogno dell’azienda di aprire punti vendita monomarca sul territorio nazionale: non casuale la scelta di Riccione, in via Dante a ridosso del palazzo del Turismo, per verificare i risultati in un territorio leader per poi estendersi alle grandi città.

A giugno sarà la volta di Aquafan, dove Marlù aprirà un corner all’interno del Temporary Store situato nella piazza di ingresso del Parco. “Riccione è la sintesi perfetta tra due elementi determinanti per noi: il pop e il fashion. Già in questo primo week end di apertura, abbiamo avuto segnali molto positivi”, spiega Marta Fabbri, la sorella più giovane.

“Sono state tantissime le persone che hanno fatto tappa sabato al nuovo punto vendita, in un party che ha coinvolto amici e turisti in passeggiata – racconta l’anima creativa del brand, Morena Fabbri -. Stessa cosa nei giorni successivi: per me e le mie sorelle è stata la conferma di una scelta centrata. Quando vedo i nostri gioielli addosso alle persone che passeggiano in Viale Ceccarini o Viale Dante, acquisisco la percezione di aver centrato il prodotto. Riccione è sempre stata un mio riferimento”.

“Abbiamo voluto con tutte le nostre forze aprire un punto nostro a Riccione – dichiara Monica Fabbri, responsabile commerciale di Marlù -, malgrado tanti ci mettessero in guardia in merito ai rischi di fare investimenti in periodi come questo. Ma noi crediamo nella crescita e nella forza delle nostre idee”.

Gioielli di moda e design a prezzi accessibilissimi, che interpretano un consumatore attuale. Il format di arredo scelto per il punto vendita rispecchia il target di Marlù. Negli anni le tre sorelle Fabbri ed i 13 dipendenti (tutte donne) hanno creato una rete capace di esporre e vendere le varie centinaia di referenze in circa 1000 i punti vendita sparsi per l’Italia e l’estero. Il brand promuove con continuità incontri in collaborazione con il corso di laurea triennale in Design Industriale di San Marino e con il Master in Comunicazione, Management e Nuovi Media.

L’azienda Marlù si impegna anche nel sociale, collaborando con i ragazzi de “Il Colore del Grano”, il centro d’assistenza per persone disabili nella Repubblica di San Marino: qui si da vita ad attività riabilitative, ricreative e artigianali che, oltre ad allenare la manualità, aiutano a responsabilizzare i ragazzi e a promuovere la loro creatività.


1 commento

  1. St.Louis says:

    Ottima iniziativa !!!!! ma…. LARGO AI GIOVANI HE!!!!
    AUGURO ALLE SORELLE FABBRI UNA STAGIONE CLAMOROSA !!!!!!!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *