di


A Modena l’omaggio a Carl Heinz Reister

Alla Galleria Mies di Modena fino al 20 giugno è possibile visitare la mostra SCHMUCK/gioielli dedicata allo “storico” orafo Karl Heinz Reister. L’artista è stato medaglia d’argento alla Triennale di Milano del 1973 e con le sue opere qui proposte accosta acciaio, ferro, ceramica ai metalli nobili per creare gioielli da sempici a sublimi. L’artista che ha girato il mondo si è formato presso l’Accademia Statale di Arte e Mestieri a Pforzheim, diretto dal Prof. Klaus Ullrich. In seguito, Karl Heinz Reister  ha preso una strada diversa dalla “classicità” e da impostazioni vincolanti del gioiello. Approda a Milano nei primi anni ’70 e stringe contatti artistici con il gruppo della galleria Il Sestante. Qui, approfondisce il suo desiderio di sperimentazione avvicinandosi a personaggi di spicco come Arnaldo Pomodoro, Ettore Sottsass, i designer del gruppo Olivetti e di ceramisti come Rosanna Bianchi Piccolo, che lo influenzeranno in questa tendenza a rompere con gli schemi preordinati. Caratteristica dei suoi lavori sono l’uso di materiali indomabili e non  preziosi come l’acciaio ricotto, più malleabile o crudo laminato lucido, associato a forme derivate anche da lastre di ferro di recupero e arrugginito, oltre a materie come: ebano, marmo e avorio.

“In generale i miei lavori vengono considerati gioielli. Spesso anche sculture”, scrive C.H.Reister, in un testo presente nella Collana di piccola scultura, a cura di Pieter Coray e Vanni Scheiwiller con la grafica di Max Huber. “Mi preoccupo molto di plasmare ogni singolo pezzo così da poter essere portato nel modo più semplice e comodo possibile. In ogni caso mi riservo sempre aperta la più ampia libertà di concentrare le mie rappresentazioni senza impedimenti. Durante il mio lavoro non penso mai a una persona concreta, e nemmeno a una persona ”ideale”. A volte mi sforzo di immaginare gli oggetti come potrebbero essere mossi dal movimento del corpo di qualcuno: una donna che parla, compie un gesto, cammina, si volta; cerco di raffigurarmi a quali vicende può dare l’avvio una donna che indossa i miei lavori.”

spilla madreperla, oro e acciaio
spilla madreperla,lapislazzulo, acciaio e oro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *