di


400 capolavori Van Cleef & Arpels in mostra al Museo delle Arti Decorative di Parigi

Bracciale decoro egiziano del 1924, montatura ajourée in platino con diamanti, smeraldi, rubini, zaffiri e onice

 

Portano la firma Van Cleef & Arpels gli oltre 400 capolavori che, dal 20 settembre al 10 febbraio 2013, saranno esposti nella navata centrale del Museo delle Arti Decorative di Parigi, 400 tra le più belle creazioni che hanno contribuito a inscrivere la Maison francese tra i nomi più prestigiosi dell’haute Joaillerie internazionale.

Un percorso suggestivo ed interessante anche perché le preziose opere, frutto di una eccellente artigianalità riconosciuta in tutto il mondo per la bellezza e per la singolare incastonatura delle  pietre preziose -ancora oggi brevetto esclusivo Van Cleef & Arpels-, saranno affiancate da documenti d’archivio e da disegni in un allestimento curato dalla Jouin – Manku. A tracciare un’attenta cronologia sarà la datazione accurata dei pezzi che, accomunati dalle medesime spettacolari caratteristiche, possono raccontare di un segreto savoir faire trasmesso gelosamente di generazione in generazione.

A consacrare il nome Van Cleef & Arpels hanno partecipato anche le invenzioni tecniche, come quelle che caratterizzano il famoso nécessaire da sera Minaudière realizzato in oro, styptor o in lacca e suddiviso in vari scomparti con diverse possibili combinazioni, o la Serti Mystérieux, brevettata nel ’33, che monta le pietre senza griffe né castone non lasciando percepire alcuna presenza della montatura, tanto per citarne alcune.

Negli anni ’90 Van Cleef & Arpels si è unita al Gruppo Richemont.

Tutta la produzione Van Cleef & Arpels vanta gioielli eccentrici e unici, spesso su commissione, il più delle volte destinati ad una clientela aristocratica che contempla dinastie reali e imperiali ma anche stelle dello spettacolo del calibro di Ava Gardner, Audrey Hepburn, Elizabeth Taylor, Maria Callas, Madonna, Marlène Dietrich, Sophia Loren, Liz Taylor, Romy Schneider, Brigitte Bardot…

 

Bracciale "Ludo" del 1939 in oro, Serti Mystérieux di rubini e rubini stellati

 

"Minaudière" del 1935 in oro, lacca, diamanti e platino

 

Clip "Pivoine" del 1937 in oro, platino, Serti Mystérieux di rubini e diamanti

 

Bracelet "Pampilles" del 1946, in oro e diamanti

 

Clip "Chrysantheme" del 937 in oro, platino, Serti Mystérieux di rubini e diamanti

 

Uno scorcio della mostra

 

Uno scorcio della mostra

 

Uno scorcio della mostra

 

Cover del catalogo

1 commento

  1. Questi per me sono i famosi gioielli SENZA
    TEMPO !!!!!
    Quando si potrà rivedere gioielli , movimenti ed innovazioni come quste ???!!!!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *