di


Damiani ha siglato l’accordo: l’ex Palafiere è suo

Un progetto molto ambizioso che racconterà l'eccellenza italiana della Maison ma anche importante occasione di riqualificazione del territorio

Ex Palafiere di Valenza

Proprio dove Enrico Grassi Damiani fondò il suo laboratorio orafo, a Valenza, nel 1924, proprio lì, per mantenere un legame affettivo con la loro terra e offrire al contempo una importante occasione di riqualificazione del territorio (poco distante sorge la manifattura Bulgari), richiamando addetti ai lavori, curiosi e appassionati, Guido, Silvia e Giorgio hanno acquisito l’ex Palafiere (l’accordo è stato siglato qualche giorno fa) destinando i 12.000 metri quadri – area progettata per fiere di settore ma mai decollata – al nuovo headquarter della Maison. Sarà un polo produttivo all’avanguardia che ospiterà, tra l’altro, una scuola di formazione per orafi e incastonatori ed un museo d’impresa.

Dopo l’iter burocratico (dell’annuncio ne aveva già parlato Preziosa ) il Gruppo Damiani è ora proprietario dell’importante immobile che ospiterà dal 2022 la nuova sede produttiva dell’azienda tutt’ora nelle mani della famiglia.

L’investimento stimato si aggira sui 10 milioni di euro, un progetto molto ambizioso, reso possibile anche con il supporto di Banca Intesa, di B.C.E., della Regione Piemonte e del Comune di Valenza, che dal primo semestre del 2022 racconterà l’eccellenza, la storia, il design del brand.

Una fase della lavorazione della croce Belle Epoque Rainbow

Come ha spiegato il presidente Guido Damiani: “Con questo progetto vogliamo rafforzare la nostra tradizione produttiva che è iniziata nel 1924 proprio a Valenza con il laboratorio orafo di nostro nonno. Damiani è una delle poche realtà internazionali che continua a disegnare e produrre direttamente i propri gioielli, con la cura e la passione di una bottega artigiana, ma con visione di un Gruppo internazionale e questa nuova sede consentirà alle maestranze di operare in un contesto confortevole, moderno e tecnologicamente avanzato. Realizzare l’ambiziosa impresa di rivitalizzare e trasformare l’ex-Palafiere di Valenza ci rende molto orgogliosi: non avremmo potuto farlo senza il supporto delle istituzioni, ed in particolare della Regione Piemonte e del Comune di Valenza, di Banca Intesa e della Bce. Anche a loro va il nostro ringraziamento per aver accettato di accompagnarci in questa sfida e per quanto faranno da ora in avanti per portare a completamento il progetto.”

www.damiani.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

G Robert – secondo banner orizzontale